Ortodonzia linguale invisibile

Ortodonzia linguale, un bel sorriso con l’apparecchio invisibile

Elaborata per soddisfare esigenze di tipo estetico, l’ortodonzia linguale rende più accettabile la necessità di affrontare il trattamento ortodontico perché è invisibile, confortevole e personalizzata. Si ricorrere a questa tecnica quando si vuole correggere anche malocclusioni gravi nei soggetti adulti che per necessità lavorativa o motivazioni estetiche non vogliano essere trattati con le tradizionali tecniche ortodontiche. A differenza delle classiche stelline incollate ai denti, molto evidenti, l’ortodonzia invisibile si propone di utilizzare sistemi diversi che permettono di raggiungere lo stesso risultato clinico non rinunciando all’estetica del sorriso durante il trattamento.

Con il sistema linguale gli attacchi ortodontici vengono posizionati sul lato interno del dente, quindi rivolti verso la lingua, anziché sul lato esterno, quello esposto al sorriso.

Oltre al fatto che risulta invisibile, con una ricaduta positiva sul benessere psico-sociale del paziente, i benefici estetici e funzionali dell’ortodonzia linguale possono essere molteplici: minore possibilità di retrazioni gengivali, salvaguardia dello smalto dentale anteriore, efficacia nel trattamento della sintomatologia dovuta a disordini cranio-mandibolari. L’unico svantaggio è rappresentato dall’ingombro dell’apparecchio nella zona linguale che può provocare lievi alterazioni della fonazione e della deglutizione, ma che oggi viene superato dall’ortodonzia customizzata. Le moderne tecniche informatiche consentono di realizzare su misura tutti gli attacchi ortodontici linguali, riproducendo perfettamente la superficie dentale. Gli attacchi Incognito vengono disegnati su misura per ogni paziente proprio perché il loro posizionamento linguale deve dare il minor ingombro possibile per consentire il libero movimento della lingua.

Si arriva, dunque, ad avere un apparecchio personalizzato, ma con tutte le componenti necessarie per ottenere il miglior risultato.

L’impronta dentale viene inviata in un laboratorio specializzato in Germania dove odontotecnici esperti la analizzano e riposizionano ciascun dente su una base di cera che viene scannerizzata tridimensionalmente. A questo punto con un software di modellazione in 3D vengono progettati gli attacchi. Dal modello virtuale si passa poi ad un modello di cera ed infine a quello definitivo in lega d’oro, un materiale estremamente malleabile che non da alcun problema nei pazienti allergici al nichel. Gli attacchi vengono poi trasferiti su una mascherina in silicone che sarà utilizzata dall’ortodontista per posizionare correttamente l’apparecchio al paziente.

Tutti possono utilizzare l’apparecchio linguale senza limiti di età purché i denti siano ben ancorati all’osso e i tessuti di sostegno siano in perfetta salute.

Grazie all’aiuto di tecniche sofisticate si riescono a trattare tutte le molocclusioni in modo confortevole e preciso. I fastidi iniziali svaniscono nel giro di una settimana ed il risultato, già visibile dopo il primo mese, migliora il sorriso in modo costante e progressivo. Questi trattamenti vanno incontro alle esigenze non solo degli adulti che cercano un modo discreto per ottenere denti sani e belli, ma anche di bambini ed adolescenti perché hanno il vantaggio di non aggredire le superfici vestibolari della bocca.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *